Angela Donati (1942-2018)

We deeply mourn the loss of our fellow epigraphist Prof. Angela Donati, Emerita of Roman History at the University of Bologna. Angela was an internationally renowned scholar, as well as a generous and kind-hearted person. We will miss her gentle smile, sharp mind, and caring humanity

A ceremony will be held on Wednesday, 17 October, at the Cappella dei Bulgari in Bologna at 10.30 am. Liturgy will follow at 11.30 am in San Domenico

This is her touching obituary written by Prof. Attilio Mastino:

La scomparsa di Angela Donati (Bologna 31 gennaio 1942 – 13 ottobre 2018)

Piangiamo con grande dolore l’improvvisa scomparsa della nostra Angela Donati, indimenticabile Maestra e generosa amica, scomparsa a Bologna oggi 13 ottobre 2018. Un pezzo di noi se ne è andato per sempre e sentiamo il senso di una perdita irreparabile.

La ricorderemo a Bologna mercoledì mattina, ma intanto volevo ripensare agli ultimi incontri a Barcellona qualche settimana fa, in un momento di serenità e di gioia. Le dobbiamo tantissimo a partire dai suoi anni sassaresi quanto fece bandire il concorso di Assistente di storia romana alla Facoltà di Magistero. Ma ci ha seguito dal primo degli incontri de L’Africa Romana assieme a Giancarlo Susini e tanti suoi altri colleghi. A Lei sarà dedicato il XXI volume de L’Africa Romana.
Le sue pubblicazioni affrontano aspetti tra i più complessi della disciplina e spaziano sul piano geografico su tutto l’impero romano. Molti sono i vincoli che univano Angela Donati alla Sardegna, una provincia romana e anche un’isola di ieri e di oggi, alla quale ha sempre guardato con simpatia ed affetto: ad esempio studiando con Susini, suo Maestro, le fasi della romanizzazione a Capo Testa, a Santa Reparata ed a Capicciolu, alla scoperta delle cave di granito, dei non finiti, delle colonne e dei blocchi semilavorati con i segni degli strumenti antichi abbandonati sulla costa. Oppure ricostruendo con la lampada di Wood le incerte tracce di un alfabeto greco sulle pareti dell’ipogeo di San Salvatore di Cabras; studiando i segni antichi, le navi, le scritture dell’ipogeo di San Salvatore a Cabras, l’antico santuario dedicato ad Eracle salvatore, vascelli effigiati che restituiscono la suggestione della Sardegna come terra di approdi dal mondo e di pulsioni verso il mondo; infine percorrendo la valle del Temo o raggiungendo con i suoi studenti l’acropoli di Cornus sulle orme di Ampsicora, l’alleato di Annibale raccontato da Livio oppure l’area paleocristiana di Columbaris, alla ricerca delle epigrafi latine; seguendo le mostre, i nuovi allestimenti dei musei, le scoperte negli scavi archeologici, le collezioni private da Turris Libisonis a Tharros, da Sulci a Karales e Olbia.
Angela Donati ha pubblicato moltissimi inediti e recensito molte pubblicazioni dedicate alla storia delle province. Ha scritto la presentazione di alcuni volumi de L’Africa Romana. Aveva una straordinaria competenza in materia di monumenti e patrimonio del Maghreb. Ha collaborato con i master, le scuole di specializzazione archeologica e i dottorati delle due Università sarde. 

Attilio Mastino

Angela Donati è stata professore ordinario di “Epigrafia e antichità romane” nell’Università di Bologna dal 1976; precedentemente ha insegnato “Antichità greche e romane” e “Storia romana” (nelle Università di Bologna e di Sassari); dall’a.a. 2013-14 ha insegnato come professore a contratto “Geografia storica dell’antichità”. E’ stata per sei anni Direttore del Dipartimento di Storia Antica; è stata Presidente del Corso di Laurea in Lettere (quadriennale e triennale) e della Commissione Didattica della Facoltà di Lettere e Filosofia ; dal 2008 al 2010 ha coordinato il Dottorato di Ricerca in Storia dell’Università di Bologna; dall’a.a. 2010/2011 è stata Direttore del Dipartimento di Storia Antica dell’Università di Bologna; dall’a.a. 2010/2011 è stata Direttore della Scuola di Dottorato in Scienze Umanistiche; dal dicembre 2000 è stata Presidente della Deputazione di Storia patria per le province di Romagna. Era Direttore Responsabile di “Epigraphica.Periodico Internazionale di Epigrafia” e delle collane di studi “Epigrafia e Antichità”e “Studi di Storia”. Segretario Generale della Association Internationale d’Epigraphie Grecque et Latine dopo Marcel Le Glay dal 2002 al 2012 (eletta nei Congressi Internazionali di Barcelona e di Oxford ); è stata membro della Commissione per le Inscriptiones Italiae della Unione Accademica Nazionale e della Commissione per le Rencontres Franco-Italianne pour l’épigraphie du monde romaine;socio di Accademie e Società scientifiche italiane e straniere (fra le altre, la Pontificia Accademia Romana di Archeologia; l’Accademia Nazionale di Scienze, Lettere e Arti di Modena; l’Accademia delle Scienze dell’Istituto di Bologna; la Real Academia de Bellas Letras di Barcellona); membro del Comitato Scientifico delle riviste Sylloge Epigraphica Barcinonensis (Barcellona) e Caesaraugusta (Zaragoza), nonché dei Congressi Internazionali “L’Africa romana”.
E’ stata nominata “valutatore di progetti scientifici” da: Ministry of Sciences and Environmental Protection della Repubblica di Serbia; Union der Deutschen Akademien der Wissenschaften; Generalitat de Catalunya (AGAUR), MIUR. Ha fatto parte di Commissioni per il conseguimento del titolo di Doctor Europaeus delle Università di Bordeaux e della Università Autonoma di Barcellona.
Ha studiato e pubblicato collezioni epigrafiche dell’Italia; si è occupata di problemi dell’officina epigrafica romana, di temi di carattere istituzionale. Ha curato l’allestimento di Musei Lapidari e di Mostre dedicate ad aspetti del mondo classico ( e.c. Giulio Cesare. L’uomo, le imprese, il mito, Roma 2008-2009; Cleopatra, Roma 2012, poi Paris 2014, Singapore 2015). Professore Emerito di Epigrafia e antichità romane nell’Università di Bologna.

Another moving memorial has been written by Mauro Reali:

http://www.laricerca.loescher.it/lingue-classiche/1790-un-ricordo-di-angela-donati.html

This entry was posted in news. Bookmark the permalink.

1 Response to Angela Donati (1942-2018)

  1. Giovanni Gentili says:

    Angela mancherà moltissimo a noi tutti che l’abbiamo conosciuta, apprezzata e amata, a cominciare da me, che ho avuto la fortuna di incontrarla nel lontano 1992, per poi seguirla e accompagnarla in tante “imprese” espositive e relativi cataloghi, a partire da “Antiche genti d’Italia” (1994), fino alla recente “Cleopatra” madrilena (2015-2016), passando e spaziando tra molti altri temi ed eventi. Averla avuta come Amica e Maestra è stato un dono eccezionale e, come tale, immeritato.
    A Dio, grande Donna!
    Giovanni Gentili
    storico dell’arte, Rimini

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.